Partner
Sostenitori
Progetto Nicolo'
Convezioni
Canale YouTube
Forum
ciclismo in liberta`
Discuti di ciclismo con noi, di quello che succede in societa' e non solo.
Associazioni
UCI Europe Tour
UCI Europe Tour.
C.O.N.I.
Comitato Olimpico Nazionale Italiano.
F.C.I.
Federazione Ciclistica Italiana
A.O.C.C.
Associazione Organizzatori Corse Ciclistiche.
ACSI Ciclismo
Comitati Provinciali di Genova e Savona
Chi è online
 85 visitatori online
ATTENZIONE!
  • Questo sito fa uso COOKIES

    Questo sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie qui usati permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Continuando la navigazione accettate l'uso dei cookies.

    Informativa estesa sui Cookies

Giro dell'Appennino dell'Avvenire 2010

Arrivo in solitaria per TroiaSono stati 48 gli atleti (per maaggiore dettagli premi qui) hanno preso il via da Casella alla sesta edizione del Giro dell'Appennino dell'Avvenire “Trofeo Luigin Ghiglione – Memorial Giuseppe Negro” organizzato dall' US Pontedecimo Ciclismo. Dopo una breve fase di studio, il ritmo si è fatto subito sostenuto e il gruppo non ha dato spazio ai vari tentativi di fuga (tra i più attivi gli atleti del Romagnano) che sono stati sistematicamente neutralizzati.

E` lungo le rampe di questa salita che la corsa cambia completamente aspetto. Sotto l'azione di Marengo (Pedale Acquese) si avvantaggia un quartetto che comprende Troia (Ciclistica Bordighera), Michael Giannelli (GS Romagnano) ed il compagno di squadra Raseti. Il gruppo si spacca così in vari tronconi.

I quattro transitano per primi al GPM (vinto da Marengo su Giannelli) con un vantaggio che si aggira sul 50 sec. sui più immediati inseguitori.

E` lungo di discesa che porta a Borgo Fornari, che la corsa prenda la definitiva forma. Infatti in una delle ultime curve il quartetto di testa si "spacca". Marengo, che al momento si trovava in seconda posizione alle spalle di Troia sbaglia ad impostare una curva e finisce fuori strada, constringendo Giannelli e Raseti a rallentare. E` il momento decisivo. Il forte passista imperiese trovatosi solo, con una vantaggio di 15 sec. continua nell'azione e con una prestazione da vero cronomen, riesce a difendere l'esiguo

premiazione

vantaggio lungo tutti i 10 chilometri che lo separano dal traguardo dove giunge solitario con un vantaggio di 12 secondi su Giannelli e Raseti.

Per Marengo, sfortunato protagonista di giornata, che nella caduta ha riportato solo delle escoriazioni, riesce a chiude la gara in trentesima posizione.

 

 Ecco l'ordine d'arrivo (per maggiore dettaglio premi qui):

 

1. TROIA Oliviero (ITA) Ciclistica Bordighera 1h48'00"
2. GIANNELLI MIchael (ITA) GC Romagnano a 12"
3. RESETI Patrick (ITA) Pedale Acquese a 12"
4. TARDELLI Alessandro (ITA) GC Romagnano a 01'21"
5. GESSA Alessio (ITA) G.S. Big Hunter Fil-3 Ortonovese a 01'21"

 

 

Luigin Ghiglione: UN ESEMPIO PER TUTTI

luigi_ghiglione_01Domenica 8 giugno 1986, la prima vittoria di Gianni Bugno, si correva la 47esima edizione del Giro dell’Appennino, la prima senza il patron storico Luigin Ghiglione, il suo creatore, che ci aveva lasciato il 20 aprile di quell’anno. Scrisse allora Alfredo Marchesini: “Da tempo amici comuni ci avevano segnalato il lento inesorabile declino di Luigi Ghiglione, ma abbiamo sempre rifiutato l’idea che il papà del giro dell’Appennino fosse giunto all’ultima pagina della sua vita.

Leggi tutto...