Partner
Sostenitori
Progetto Nicolo'
Convezioni
Canale YouTube
Forum
ciclismo in liberta`
Discuti di ciclismo con noi, di quello che succede in societa' e non solo.
Associazioni
UCI Europe Tour
UCI Europe Tour.
C.O.N.I.
Comitato Olimpico Nazionale Italiano.
F.C.I.
Federazione Ciclistica Italiana
A.O.C.C.
Associazione Organizzatori Corse Ciclistiche.
ACSI Ciclismo
Comitati Provinciali di Genova e Savona
Chi è online
 103 visitatori online
ATTENZIONE!
  • Questo sito fa uso COOKIES

    Questo sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie qui usati permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Continuando la navigazione accettate l'uso dei cookies.

    Informativa estesa sui Cookies

Giovedì 25 giugno i funerali di Walter Avellani

È mancato lunedì 22 giugno 2015 il consigliere Walter Avellani. Una inesorabile malattia, diagnosticata poco prima del recente Giro dell’Appennino, al quale non ha fatto mancare comunque il suo inarrivabile contributo, l’ha portato via alla sua famiglia e alle associazioni con le quali collaborava, mettendo in campo il suo desiderio di agire, da volontario, in favore del prossimo.

Legatissimo al territorio che lo ha visto crescere e alla sua storia, avrebbe voluto un Giro dell’Appennino con l’arrivo nella storica “Piazza Baracchino”. Tra le manifestazioni che devono a lui la realizzazione e il successo c’è il BiciBorgo, organizzato dalla Parrocchia di San Giacomo di Pontedecimo con la collaborazione della nostra associazione, che prevede prove a cronometro e per i più piccoli la gimkana in bicicletta. Pur malato, ha voluto che si mettesse in cantiere anche l’edizione di quest’anno, che si terrà venerdì 24 luglio prossimo.

Walter, dopo la pensione, si è laureato in Storia, diventando collaboratore dell’ALSP, Archivio Ligure della Scrittura Popolare.

Ricordiamo che domani, mercoledì 24 giugno, verrà recitato in sua memoria il SS. Rosario, nella chiesa di San Giacomo, alle ore 18,15, mentre le esequie avranno luogo sempre nella chiesa di San Giacomo Maggiore, in Piazza Partigiani Caduti per la Libertà a Pontedecimo, il giorno giovedì 25 giugno, alle ore 14,30.

Tutta l’U.S. Pontedecimo Ciclismo si stringe intorno alla moglie Mariangela, ai figli con i rispettivi coniugi e agli adorati nipotini di Walter, unendosi alle preghiere di tutti coloro che, riconoscendogli una rara statura morale, gli hanno voluto bene e lo hanno profondamente stimato.

Nella foto è con Francesco Moser, nella mostra realizzata nel 2001 nei locali della Parrocchia di San Giacomo, in occasione del 62° Giro dell'Appennino.2001 Mostra Parrocchia con Moser

 

Biciclette in Mostra: non solo quella su Alfredo Martini, ma anche quella nel Centenario della Grande Guerra

locandina 23 Biblioteca GallinoMentre è in corso a Palazzo Tursi la mostra a cura dell'U.S. Pontedecimo Ciclismo su Alfredo Martini, con riferimenti alla Resistenza e alla Liberazione, alla Biblioteca Gallino di Sampierdarena inizia la mostra “La bicicletta e la Grande Guerra” nel centenario dell’ingresso dell’Italia nella Prima Guerra Mondiale.

La mostra resterà aperta fino al 29 maggio, e verrà inaugurata martedì 5 maggio, alle ore 17,30, presenti, tra gli altri, l’oro olimpico di Helsinki 1952 Mino De Rossi, l’eroe del Gavia e due volte vincitore della classifica dei Gran premi della Montagna al Tour de France Imerio Massignan, il compagno di squadra del vincitore del Giro d’Italia nel 1961 Arnaldo Pambianco, Luigi Zaimbro, nonchè Elio Di Maria e Luigi Ricciardi, il giornalista Giorgio Cimbrico, l’ex Presidente del Genoa Renzo Fossati, valente cicloamatore.

Ulteriori informazioni su La Polcevera (Premi quiPremi qui) e sul sito del Sistema Bibliotecario Urbano del Comune di Genova (Premi quiPremi qui).

 

 

Mostra Fotografica su Alfredo Martini e collegamenti con la Resistenza nel Settantesimo della Liberazione

Locandina mostra 2015 AM 01Concluso il 76° Giro dell’Appennino - Memorial Alfredo Martini, corso celebrando il Settantesimo Anniversario della Liberazione (ideale prosecuzione della 75.a edizione, Memorial Martiri della Benedicta), l’U.S. Pontedecimo Ciclismo ha realizzato una mostra fotografica dedicata a Alfredo Martini, visitabile nel cortile di Palazzo Tursi, in Via Garibaldi a Genova.

Alfredo Martini prese parte alla Resistenza. Raccoglieva abiti, cibo e armi per le staffette, le portava in bicicletta da Firenze a Monte Morello. Rischiò l’arresto una volta che incontrò su una salita un gruppo di soldati tedeschi, con i fucili spianati. Non scese dalla bicicletta, e riuscì a passare indenne, cosa che non riuscì ai suoi compagni, arrestati e condotti in galera.

Nel 1947 Alfredo Martini vinse l’ottavo Circuito dell’Appennino, che metteva in palio anche la grande Coppa d’Argento del Comitato di Liberazione Nazionale di Pontedecimo (destinata alla società in base alla classifica dei primi cinque arrivati, fu vinta dalla Società Ciclistica Sestese, la squadra di Alfredo Martini) e la grande Coppa d’Argento Agostino Pedemonte e Luigi Guido, Martiri della Libertà, coppa destinata dall’ANPI di Pontedecimo alla casa costruttrice della bicicletta del vincitore e conquistata dalla Welter. Altri premi ricordavano la Liberazione: sul Passo dei Giovi era previsto il premio A.N.P.I. e Reduci di Pontedecimo, sulla Bocchetta al secondo a transitare venne assegnato il Premio alla memoria del Martire Carlo Rolando. 

Leggi tutto...

 

Tra il Giro dell’Appennino e il Giro d’Italia una mostra dedicata ad Alfredo Martini

locandina mostra 2015 am

L'U.S. Pontedecimo Ciclismo, dopo aver dedicato il 76° Giro dell'Appennino ad Alfredo Martini (l'ex C.T. della Nazionale Italiana, scomparso nell'agosto dello scorso anno, vinse l'ottavo Circuito dell'Appennino nel 1947) continua a ricordarlo, in attesa dell'arrivo a Genova della prima tappa del Giro d'Italia, con una mostra fotografica realizzata nel Cortile di Palazzo Tursi in Via Garibaldi.

La mostra si potrà visitare dal 1° al 10 maggio.

Nei pannelli vengono esposte curiosità come la pagina del programma dell'8° Circuito, con Sandro Pertini membro del Comitato d'Onore;  gli articoli di giornale che descrivono la vittoria con l'arrivo solitario sul traguardo di Pontedecimo;  Alfredo Martini D.S. sportivo della Ferretti che segue sulla Bocchetta Gosta Pettersson lanciato verso la vittoria del 32° Giro dell'Appennino nel 1971;  la presenza alla vittoria al Campionato Italiano del 1989 di Moreno Argentin, uno dei suoi cinque azzurri iridati;  sino all'Appennino d'Oro ricevuto nel 1998 ed il premio del 2012 in occasione del 65° anniversario della sua vittoria e tante altre fotografie inedite.

 

Avvicinandoci al Giro, i racconti dell'Appennino

GDA08 1947 COPPI ALLA PARTENZALa vittoria di Alfredo Martini al Circuito dell’Appennino del 1947.

Domenica 10 agosto 1947. È in programma, con grandi novità, l’ottava edizione del Circuito dell’Appennino.

Fausto Coppi è lo “starter” d’eccezione, annunciato dai giornali a caratteri cubitali, più degli atleti in gara. L’atleta di Castellania aveva esordito nella nostra corsa nel 1938, non ancora diciannovenne, grazie all’eccezione al regolamento, che non permetteva a quella età di correre in una gara nazionale per professionisti, indipendenti e dilettanti, fatta dal patron Luigin Ghiglione, che fu poi ricompensato da un buon sesto posto conquistato da quel giovanotto che era arrivato a Pontedecimo, per disputare la corsa, in bicicletta da Castellania e che a Castellania sarebbe ritornato la sera, dopo la gara, sempre in bicicletta. Fausto salì sul podio l’anno successivo, terzo, alle spalle di Lorenzo Mazzarello e Giovanni De Stefanis. Il Campionissimo in quel 1947 aveva già vinto il Giro di Romagna e soprattutto il Giro d’Italia, dove sfilò la maglia rosa a Gino Bartali nella tappa di Trento, in fuga solitaria sul Pordoi e sul Falzarego. La domenica precedente si era ritirato dalla prova del Campionato del Mondo a Reims, non aveva la condizione per partecipare alla corsa polceverasca, ma non volle mancare alla promessa di essere presente fatta a Ghiglione, del quale ormai era diventato ottimo amico.

Leggi tutto...