Partner
Sostenitori
Progetto Nicolo'
Convezioni
Canale YouTube
Forum
ciclismo in liberta`
Discuti di ciclismo con noi, di quello che succede in societa' e non solo.
Associazioni
UCI Europe Tour
UCI Europe Tour.
C.O.N.I.
Comitato Olimpico Nazionale Italiano.
F.C.I.
Federazione Ciclistica Italiana
A.O.C.C.
Associazione Organizzatori Corse Ciclistiche.
ACSI Ciclismo
Comitati Provinciali di Genova e Savona
Chi è online
 119 visitatori online
ATTENZIONE!
  • Questo sito fa uso COOKIES

    Questo sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie qui usati permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Continuando la navigazione accettate l'uso dei cookies.

    Informativa estesa sui Cookies

ALFREDO MARTINI compie novant'anni, parte seconda

Il Direttore Sportivo

Lasciato il ciclismo attivo con non poche soddisfazioni sportive, Alfredo Martini si dedicò alla gestione del negozio di abbigliamento che aveva aperto già nel 1951. La sua ultima corsa fu il Trofeo Matteotti del 1957, vinto da Silvano Ciampi (il vincitore del Giro dell’Appennino del 1959) nel quale si classificò settimo, battendo in volata Aldo Moser. Rimase comunque in contatto con il mondo del ciclismo facendo il consigliere dell’Associazione Corridori e collaborò con una squadra giovanile, la “Porta Romana”. Dodici anni dopo l’amico Fiorenzo Magni lo interpellò per offrirgli il posto di direttore sportivo della squadra professionistica Ferretti. Alfredo non resistette al richiamo del suo mondo. Era ormai fine anno e mise su una squadra con alcuni corridori rimasti senza contratto, pescando anche dei disoccupati all’estero. In squadra c’erano dei bravi pistards quali Giuseppe Beghetto, Sergio Bianchetto, Giordano Turrini, Aldo Pifferi, Alberto Rossetto, ma anche gli stradisti belgi Albert Van Vlierberghe, Roger Kindt e Julien Van Lint. L’esordio della squadra al Giro di Sardegna fu assai positivo, vinse la prima tappa a Cagliari con Beghetto, che battè Walter Godefroot e Marino Basso in volata. Vinse anche la quarta tappa a Olbia con Van Vlierberghe che battè Giancarlo Polidori e la sesta a Siena, sul continente (il Giro si concluse a Roma il 1° marzo del 1969) nuovamente con Beghetto che battè Adriano Durante e Dino Zandegù.

Leggi tutto...

 

ALFREDO MARTINI compie novant'anni, parte terza

Il Commissario Tecnico

Il più grande di tutti. Di ogni tempo e di ogni paese. Sono i risultati a dircelo. Anche per questo incarico fu Fiorenzo Magni a comunicargli che la federazione aveva individuato in lui l’uomo adatto a sostituire Nino Defilippis, che aveva condotto la Nazionale per due stagioni, vincendo il titolo con Felice Gimondi a Barcellona nel 1973 ma suscitando polemiche e contrasti a livello federale per la prova a Montreal 1974, quando l’Italia si aspettava la tripletta (dopo Marino Basso ’72 e Felice Gimondi ’73) ma non si andò oltre il quarto posto di Giacinto Santambrogio nel Mondiale che fu per la terza volta a favore di Eddy Merckx.

Il debutto di Alfredo Martini quale C.T. azzurro non fu dei migliori. Il Mondiale si correva a Yvoir, in Belgio. Un circuito di poco più di tredici chilometri da percorrere venti volte. L’ossatura della squadra era quella dell’anno precedente: i confermati Gimondi, Moser, Battaglin, Fabbri e Poggiali, e cinque nomi nuovi, Bellini, Bertoglio, Riccomi e Simonetti, e l’esperto Cavalcanti, che aveva già partecipato nel 1972, uomini di appoggio che Alfredo Martini conosceva molto bene e che nella stagione si erano messi in luce. I favoriti erano i belgi che correvano in casa e gli olandesi, reduci dal Giro d’Olanda e al massimo della forma. La gara fu controllata dagli olandesi, che avevano in squadra Den Hertog, Karstens, Knetmann, Raas, Zoetemelk e Kuiper. Proprio quest’ultimo verso la fine partì, Moser tentò di prenderlo senza riuscirci. Hennie Kuiper conquistò così la maglia iridata con 17” su Roger De Vlaemink e Jean Pierre Danguillaume. Il migliore degli italiani fu Francesco Moser, undicesimo.

Leggi tutto...

 

Un canale su Youtube per l'US Pontedecimo

youtubeL'US Pondedecimo ha aperto il proprio canale su Youtube.

All'interno troverete video sul Giro dell'Appennino, ciclismo in generale e tutto ciò che gli ruota intorno.

 Il Canale verrà costantemente aggiornato, venite a visitarci, commentate i nostri video, segnalatecene di nuovi.

Col tempo verranno aggiornate ed inserite nuove playlist a tema, Il Giro dell'Appennino, I grandi campioni del Giro, ciclismo amatoriale e molto altro. Il ciclismo tutto da guardare !!!

Clicca sulla home-page e buona visione!

 

Inizia un'altra emozionante stagione

Inizia una nuova stagione ciclistica. Nuove squadre e squadre riconfermate. Nuovi sponsor e abbinamenti riconfermati. Dovremo imparare a riconoscere i nostri beniamini fasciati di nuovi colori.

La Lampre-Farnese Vini oggi è Lampre-Isd, e schiera il vincitore del Giro dell’Appennino del 2004 Damiano Cunego, che ha come compagni di squadra Leonardo Bertagnolli, Marco Marzano, Przemyslaw Niemec, tutti sul podio dell’Appennino, e Michele Scarponi, quarto al giro d’Italia 2010.

Il vincitore dell’Appennino 2009, Vincenzo Nibali è confermato nella Liquigas, quast’anno Liquigas-Cannondale.

Oltre a Ivan Basso, sono suoi compagni di squadra Valerio Agnoli, Eros Capecchi, Damiano Caruso, il ligure Cristiano Salerno, Sylvester Szmyd, Cameron Wurf.

Leggi tutto...

 

Busalla 2011: Campionati Italiani UDACE Ciclocross

ciclocross_small Il tempo scorre inesorabile tanto quanto il conto alla rovescia dei giorni, ore, minuti e secondi che mancano al 16 Gennaio 2011.

Questa Domenica di metà primo mese dell'anno sarà per la Bike Evolution Team, il Comune di Busalla e il Comitato Provinciale Udace di Savona (sotto la cui egida si svolge la manifestazione) per l'organizzazione tecnica del 43° Campionato Italiano Udace Ciclocross 2011 una giornata memorabile all'insegna del grande sport e dell'aggregazione.

Leggi tutto...